Image for post
Image for post
Una combriccola di spalloni in un vecchia immagine

Andar di frodo oltre confine con la bricolla in spalla

Lo “sfrusadur” era colui che praticava il mestiere dell’andar di frodo (“da sfroos”, in dialetto), grazie al contrabbando

Marco Travaglini

Uno dei vecchi “spalloni”, in una intervista, sosteneva come .

Image for post
Image for post
Contrabbandieri

Il rappresentava il teatro naturale delle gesta dei contrabbandieri. Era un mondo che aveva le sue “regole”. A volte capitava che . Nei racconti di chi ha fatto quella vita emergono storie al limite dell’incredibile, a riprova di come il bisogno aguzzasse l’ingegno.

Image for post
Image for post
Contrabbandieri in una foto della TV Svizzera

Sul lago di Lugano avevano persino sperimentato un piccolo e rudimentale sommergibile a pedali che viaggiava sott’acqua:il “”. Era il 1948 e veniva usato per trasportare merce di contrabbando attraverso il lago. Tre mesi di “”, tre viaggi al giorno per quasi tre quintali di merce a viaggio. Poi, nel novembre di quell’anno, a Porlezza, sulla sponda comasca, il “” ,che faceva la spola di qua e di là dal confine , “” in Svizzera riso,carne e alcolici, “” altri beni, era stato catturato e sequestrato.

Image for post
Image for post
Fabbrica dei Tabacchi di Brissago in una foto degli anni 40

Sulle montagne all’estremo nord del Piemonte, tra la Valle Anzasca e il passo del Gries, fino a ridiscendere sulle rive dell’alto lago Maggiore, attraversando le valli Vigezzo e Cannobina, erano ben 36 i colli e canaloni di confine frequentati più o meno assiduamente dai contrabbandieri. E non erano certo incustoditi. Lo stesso valeva per le sponde dei laghi “confinari”, come il Verbano con la Svizzera. In un interessante rapporto redatto da un ufficiale al comando del IV° Circondario Svizzero, risulta che nel 1935 ,tra il lago Maggiore e il passo di Nufenen (il passo della Novena) sul versante italiano del confine, erano schierate ben 579 tra guardie di finanza e militi confinari e su quello svizzero 159 guardie doganali.

Image for post
Image for post
Finanzieri e spalloni in una copertina della Domenica del Corriere del gennaio 1934

Image for post
Image for post
Il Sigaro del Ceresio

. Le com’è facilmente intuibile,prendevano il nome dal tipo di merce che “” la frontiera:

Image for post
Image for post
La bricolla del contrabbandiere

caffè, riso, sigarette ma anche saccarina, dadi,cioccolata, zucchero,orologi, tabacco sfuso, cartine per sigarette, accendini , scarpe, liquori, stoffe, calze di nylon e tutto quello che veniva richiesto sul mercato di entrambe le nazioni. Con tutti i rischi del caso. Si correvano i pericoli sui sentieri percorsi di notte, quando le nubi si mangiavano le stelle: bastava mettere un piede in fallo e si finiva giù, negli strapiombi. Dal tardo autunno a inizio primavera, in quei lunghi inverni, capitavano delle bufere di neve con tremende slavine che hanno seppellito molta gente.

Image for post
Image for post
Museo dello spallone a Masera (Vb)

Sul lago, invece, si remava nelle notti senza luna, meglio ancora se c’era un tempo da lupi, a volte dentro a tempeste che strappavano preghiere e maledizioni. C’erano anche le sparatorie e si contavano in quel caso feriti ed anche caduti sotto il piombo della guardia confinaria. Ma il rischio più frequente era il sequestro delle merci con annessi sei giorni di galera e una salatissima multa che poteva variare dal doppio fino a dieci volte il valore della merce sequestrata, nonché — durante i periodi bellici — l’arruolamento forzato. Chi non aveva i soldi per pagare la multa scontava un ulteriore giorno di carcere ogni 10 lire di ammenda.

Image for post
Image for post
Spalloni in una foto del 1946

Se erano in due potevano rischiare sei mesi di prigionia per espatrio clandestino, che salivano a cinque anni nei casi di recidiva e quando venivano “pizzicate” più di tre persone insieme. Ma la vita su quel pugno di terra e acqua tra Italia e Svizzera era anche fatta di questi pericoli e i contrabbandieri non badavano alle pietre che segnavano il confine. C’era anche un linguaggio degli sfrosadori i quali, condividendo un’attività che richiedeva complicità e segretezza, parlavano in “codice”. Quando “commerciavano” in “” si riferivano allo zucchero. Il “ era la saccarina e le “” le sigarette, mentre per “” s’intendeva il tabacco. Dalla manifattura tabacchi del paesino ticinese, appena oltre confine, dove lavoravano centinaia di donne, uscivano dei sigari straordinari e un tabacco dall’aroma inconfondibile che — nei giorni di vento — passava allegramente il confine senza per questo pagar dazio.

Image for post
Image for post
Museo dello Spallone

Con le “bricolle” in spalla e le pedule ai piedi, organizzati in “combriccole” guidate da un capo al servizio di un “impresario”, i contrabbandieri cercavano di ingannare le pattuglie dei “” della Finanza (dal colore giallo del simbolo dell’arma). A pochi chilometri da Domodossola, nel comune di Masera (VB) è stato allestito il Museo dello Spallone che ricorda, con esposizioni ed eventi, la storia dei contrabbandieri in val d’Ossola e le fatiche della vita di montagna. Non una scelta casuale perché l’abitato di Masera, situato a fondovalle, era una delle realtà più importanti dei contrabbandieri: strategica per lo smistamento delle merci, ben collegata con strade e ferrovie, meno controllata dalle milizie confinarie. Nel museo, ospitato in un edificio comunale che nel tempo è stato carcere, latteria sociale e, infine, scuola elementare, si possono vedere documenti e bricolle, vecchi arnesi ed ex voto che raccontano la dura vita degli

Il canale Medium ufficiale del Consiglio regionale del #Piemonte, dove raccogliamo notizie e approfondimenti. I video su http://www.crpiemonte.tv

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store