Comuni in rete, un percorso obbligato

Image for post
Image for post

La Regione Piemonte può, con legge, istituire nuovi Comuni o modificarne denominazione e confini. Ne è un esempio la recente istituzione del Comune di Mappano, la cui costituzione è stata sottoposta a referendum consultivo della popolazione. Con Mappano, sale a 1.207 il numero di Comuni nella nostra regione, una realtà eterogenea, composta per lo più di piccoli municipi, se si pensa che 1.077 di questi ha meno di 5mila abitanti. Ma la Regione promuove e incentiva anche la fusione di Comuni. Lo scorso gennaio, il Consiglio ha approvato tre delibere che indicono referendum consultivi per l’istituzione di tre nuovi Comuni mediante fusione, due in provincia di Biella, uno nel Verbano Cusio Ossola. Il Piemonte conta oggi su una solida tradizione di cooperazione proprio grazie alla Regione, che ha saputo precorrere i tempi e, a partire dalla fine degli anni Novanta, ha incentivato l’associazionismo comunale, oggi obbligatorio per legge per i Comuni sotto i 5mila abitanti. In questi mesi l’ente è impegnato alla realizzazione della Carta delle autonomie e alla delicata fase di passaggio dalle Comunità montane alle neonate Unioni di Comuni montani. Per quanto riguarda le Province, decisivo è il ruolo della Regione nella ridefinizione dei nuovi enti. Attraverso l’Osservatorio regionale per il riordino delle funzioni e dei compiti amministrativi degli enti locali, previsto da un accordo sancito in Conferenza unificata, l’ente sta procedendo alla ricognizione delle funzioni provinciali oggetto di riordino con l’obiettivo di censire funzioni e compiti amministrativi delegati agli enti locali e definire un sistema più semplice, efficiente ed efficace, senza sovrapposizioni e in grado di reggere al futuro.

Compito della Regione è poi la formazione degli agenti di polizia locale, dai corsi obbligatori per i vigili di prima assunzione a quelli di aggiornamento, fino ad arrivare ai corsi di qualificazione su specifici argomenti come il primo soccorso, l’infortunistica stradale, la guida sicura, il soccorso in montagna. Per garantire la sicurezza sulle piste da sci, inoltre, è stato sottoscritto recentemente un protocollo di intesa tra gli operatori del sistema sciistico e le amministrazioni locali che vedrà i vigili sciatori nelle località turistiche nei fine settimana e nei festivi.

Regione, Province e Comuni sono poi gli attori che concorrono alla pianificazione del territorio, la cui attività rappresenta una rilevante competenza istituzionale della Regione Piemonte, che la esercita attraverso due principali strumenti: il piano territoriale regionale e il piano paesaggistico, oggi in via di ultimazione, che sarà definitivamente approvato nel corso del 2015.

La Regione Piemonte è infine autorità competente in materia di valutazione ambientale strategica (Vas), per gli strumenti urbanistici comunali, in quanto soggetto competente all’approvazione del piano. (em)

Il canale Medium ufficiale del Consiglio regionale del #Piemonte, dove raccogliamo notizie e approfondimenti. I video su http://www.crpiemonte.tv

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store