Image for post
Image for post
I quattro angoli del Quadrilatero

Il calcio nella nebbia

Il Quadrilatero del calcio piemontese era di provincia, comandava il Piemonte Orientale

Mario Bocchio

Il calcio in Piemonte è Juventus e Torino, ma non solo. È nella provincia che sopravvive un gioco dal sapore antico, che lascia trapelare le vicende di un passato ricco di fascino. Qui cominciò, tanti anni fa, la leggenda del football, una leggenda di gente dedita a formare vere e proprie scuole calcistiche, di fedeltà alla maglia, di continua ricerca della qualità, di personaggi che alla palla di cuoio hanno donato intraprendenza, fantasia e, soprattutto, classe sopraffina. Il .

Image for post
Image for post
I Nerostellati del Casale

Queste squadre sembravano dover scomparire, complici le difficoltà finanziarie, ma hanno saputo sopravvivere e, come le cosiddette sette vite dei gatti, addirittura riscoprire emozioni forti, proprio come la Pro Vercelli, ritornata in serie B dopo 64 anni di assenza. La Società Ginnastica Pro Vercelli nacque nel 1892 e, ad opera di Marcello Bertinetti, nel 1903 istituì anche una sezione per il calcio. Il colore delle maglie era il bianco, abbinato a calzoncini neri: la divisa divenne caratteristica, il soprannome dei giocatori era ed è ancora oggi .

Image for post
Image for post
Le Bianche Casacche di Vercelli

Sette scudetti non sono pochi, tanti quanti quelli di Roma, Lazio e Napoli messi insieme per intenderci. La Pro riuscì a galleggiare nella massima serie fino al 1934‘35 anche grazie all’esplosione di Silvio Piola che qui iniziò la sua carriera, ma quando il regime fascista impose il suo passaggio alla Lazio, il mito crollò definitivamente.

Image for post
Image for post
Silvio Piola conla maglia della Pro

Si parla della Pro e non si può fare a meno di farlo anche del Casale, non solo perché la rivalità tra le due città è ancestrale, risale infatti ad un episodio storico, l’incendio e la distruzione di Casale nel 1215 per opera delle milizie del vescovo di Vercelli, ma perché poi divenne ancora più accentuata sul prato di gioco. Il sodalizio monferrino nacque nel 1909, grazie ad un professore dell’Istituto Tecnico raffaele Jaffe. Si trattava di una squadra che faceva leva sull’entusiasmo, eppure si intravedevano già i futuri campioni come Barbesino, Gallina, Rosa e Bertinotti. La stagione 1912-‘13 regalò la consapevolezza di essere una grande squadra ed il 14 maggio 1913, i (i giovani nerostellati) superarono, primo club italiano in assoluto, una squadra professionistica del calcio inglese d’epoca, il Reading.

Image for post
Image for post
Gli Azzurri del Novara

Nel campionato successivo il Casale fu più deciso che mai a dare scacco matto alle più insigni rivali ed in particolar modo proprio alla Pro Vercelli, e alla fine vinse lo scudetto tricolore. Gli elementi di spicco della squadra furono Barbesino ed il trio centrale d’attacco, Mattea, Gallina II e Varese, che costituirono un’autentica macchina da goals. La stessa Nazionale schierò in blocco quel potente trio per la partita dell’11 gennaio 1914 all’ di Milano contro l’Austria.

Image for post
Image for post
I Grigi dell’Alessandria

Nonostante tanti travagli, non è mai venuta meno la passione, ricordando le alte e grigie ciminiere che si scorgevano dallo stadio, il grido vibrante è sempre lo stesso: . E i tifosi più anziani ricordano i racconti uditi dai loro padri: quando giocava Caligaris vedevi come finiva.

Image for post
Image for post
Le quattro squadre sulle celebri cartoline delle Edizioni Magià

Tra i più celebri giocatori che hanno indossato la dell’Alessandria sono ricordati il Pallone d’oro 1969 Gianni Rivera e i campioni del mondo Bertolini, Borel, Ferrari e Rava, oltre a Carlo Carcano e Adolfo Baloncieri. Il periodo di maggior lustro per la squadra si fa risalire ai decenni del primo dopoguerra e della cosiddetta che, dando continuità ai dettami importati nei primi anni dieci dall’allenatore inglese George Arthur Smith, prevedeva metodi di allenamento e tattiche di gioco inediti per il calcio italiano.

Image for post
Image for post
Una lontana sfida tra l’Alessandria e la Pro Vercelli

Il quarto lato del è il Novara. Due squadre, Novara e Pro Vercelli, accomunate da un personaggio come Silvio Piola, il cannoniere più prolifico di tutti i tempi con 274 goal in serie A. Come a Vercelli, anche a Novara il calcio si diffuse grazie a studenti liceali.

Image for post
Image for post
Piola ai tempi del Novara

Qui erano in otto, tutti del Liceo “ e fondarono, nel dicembre del 1908 il primo nucleo di quello che diventerà il Novara Calcio. Maglia azzurra e scudetto crociato rosso sul petto. La squadra debuttò in serie A nella stagione 1936-‘37, dove rimase per otto campionati consecutivi tra il 1948 e il 1956. Miglior piazzamento l’ottavo posto nel 1951-‘52. Erano gli anni proprio di Piola, 86 reti nelle sue sette stagioni novaresi.

Image for post
Image for post
Il Novara contro l’Alessandria

Nel 1956 ci fu la retrocessione in B; sei anni dopo il Novara finì in C. Lasciatasi alle spalle la serie B giocata nel mitico fortino di via Alcarotti, con la bandiera Giovanni Udovicich (per tutti sarà sempre , tanti, troppi anni difficili tra C1 e soprattutto C2 nel nuovo stadio di viale Kennedy. Sino alla resurrezione con la famiglia De Salvo e con Attilio Tesser in panchina, che al termine della stagione 2010-’11, vincendo i playoff, riportarono il Novara in serie A. Corsa, sudore, palloni di cuoio legati con lo spago, terreni impolverati, pubblico a bordo campo, trasferte in bicicletta, hanno formato la miscela che ha contribuito all’epopea della

Image for post
Image for post
Alessandria e Casale prima del derby nel 1928

Solo coloro che hanno vissuto, vivono e vivranno in quelle città, dentro una storia familiare e collettiva, possono comprendere quali emozioni possano suscitare l’ingresso in campo dei colori delle rispettive squadre. , , e sono un mix di emozioni forti, di tensioni, di sfottò, di botte in campo e sugli spalti. Il il , il e il prato di via Alcarotti prima e di viale Kennedy poi, sono diventati i templi laici di fedi calcistiche che hanno resistito e resistono nelle nebbie della storia.

Ettore Berra, uno che quell’aria l’aveva respirata in prima persona, avendo giocato nella Pro Vercelli, ha scritto.

Image for post
Image for post
Una delle tante sfide tra il Casale e la Pro Vercelli

Gianni Brera, maestro di giornalismo, descrisse le radici storiche delle sfide del : .

Bibliografia:

Il canale Medium ufficiale del Consiglio regionale del #Piemonte, dove raccogliamo notizie e approfondimenti. I video su http://www.crpiemonte.tv

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store