Image for post
Image for post
L’imprenditore Luigi Bauducco

Il piemontese che ha lanciato il panettone in Brasile

Morto Luigi Buducco. La sua storia, di successo, è come un film

a cura di Mario Bocchio

Il panettone, quel dolce italiano che ha conquistato negli ultimi vent’anni il gusto natalizio di tutti i brasiliani, è nato a Milano nel lontano 1400. C’era allora la tradizione del “ciocco”, il ceppo dell’albero tagliato come un grosso pezzo di legno dal piede della pianta, che ardeva nel caminetto dalla vigilia di Natale all’Epifania e sul quale si cuocevano tre pani grandi di grano a significare la trinità divina. La leggenda vuole che Ludovico Sforza, detto il Moro, che fu duca di Milano fino al 1499, avesse ordinato ai suoi cuochi un grande banchetto di Natale a cui erano invitati molti nobili da tutta Italia e da fuori. La cena andò bene ma il dolce, lasciato troppo in forno, si carbonizzò. Allora un giovane sguattero di nome Toni (diminutivo lombardo di Antonio), vista la disperazione dello chef, propose una soluzione: “Stamane ho cucinato questo dolce con gli avanzi che ho trovato in dispensa, un po’ di farina, burro, uova, dell’uva passa e una scorza di cedro. Se non c’è altro portatelo in tavola”. Il capo cuoco, tutto tremante, si mise dietro la tenda a spiare la reazione degli ospiti che però furono estremamente entusiasti di quel nuovo dolce natalizio. Il duca voleva sapere il nome di quella prelibatezza e il cuoco, vergognoso, rivelò che era il “Pan del Toni”, fatto dall’aiutante: da qui il termine panettone. Ma è solo a metà ‘800 che si aggiungerà il lievito, ed è negli anni Venti del secolo scorso, in piena Belle Epoque, che Angelo Motta inizierà ad industrializzare il panettone in scatole con sopra disegnato il Duomo di Milano. Motta e Alemagna sono state le prime ditte pioniere a Milano e il signor Alemagna qualche decennio fa, prima di morire, andò a San Paolo a trovare un pasticcere di Torino che aveva lanciato per primo il panettone in Brasile. Si chiamava Bauducco. E Alemagna gli fece i complimenti.

Image for post
Image for post
Bauducco durante un’intervista

“Ma tutto si deve all’audacia di mio padre Carlo e all’ostinazione di mia madre Margherita che vennero con me a San Paolo da Torino a metà del secolo scorso. Non sapevano come avrebbero realizzato il loro progetto di portare il panettone al di là dell’oceano, ma contavano su una forza straordinaria, comune a tutti gli immigrati italiani in Brasile: il lavoro” . Queste parole orgogliose e commosse sono di Luigi Bauducco, morto a 88 anni, “mago” dei panettoni e dei biscotti di Extrema, in Minas Gerais. “Sono stato allevato a Torino da una donna di servizio perchè mia mamma e mio papà lavoravano sempre — amava ricordare sempre Bauducco, nato figlio unico nel 1932 — Eravamo gente semplice. Mia nonna, Giuseppina Ghiotti, faceva la sarta. Quando la mia giovane tata tornava nelle campagne del Piemonte per le ferie estive, lei ci andava assieme, portandosi dietro la macchina da cucire, anche se pesava molto. Quando arrivava alla cascina, con i ritagli che le erano restati degli abiti che confezionava, faceva dei vestitini multicolori per i fratellini e le sorelline della mia donna di servizio, ed erano tutti felici”.

Ma venne presto la Seconda guerra mondiale a disfare questi momenti lieti. “Mio padre non venne chiamato a militare perchè aveva una lesione alla mano che si era procurato a 14 anni, quando lavorava in una ditta di gazzose, con una bottiglia di vetro che era esplosa. Così si era impiegato di una torrefazione di caffè. Durante la guerra ogni giovedì andava a Milano perchè tutti quelli che trafficavano con cereali e con caffè si incontravano lì una volta alla settimana. Il caffè scarseggiava e si usava un surrogato d’orzo. Ma a Milano conobbe il panettone, una scoperta che gli doveva venire molto utile finita la guerra”. Sua madre, Margherita Costantino, si occupava della contabilità e delle provvigioni nella stessa azienda. “Era più vecchia di mio padre di cinque anni, ma nessuno se ne è mai accorto. Aveva un carattere forte, ereditato dai genitori: pensate che quando andava a passeggio col padre e la madre nel parco del Valentino, camminava davanti a loro, e il nonno le diceva di stare dritta con la schiena e la colpiva con una bacchetta di bambù. Quando era a capo dell’amministrazione, con la nostra azienda già avviata in Brasile, faceva tremare tutti i suoi dipendenti: trovava sempre un errore nei conti”. Per evitare i bombardamenti che colpivano soprattutto la Fiat e la stazione ferroviaria di Porta Nuova, il giovane Luigi andò in collegio a Giaveno e tornava a rivedere i suoi genitori ogni fine settimana con un’ora di treno. Poi, finita la guerra, quando i Bauducco presero un negozio in cui vendevano miscela di caffè in bustine e in tazza, si iscrisse a una scuola per geometri che non riuscì a finire perchè al terzo anno emigrò in Brasile. “L’ultimo datore di lavoro di mio padre si chiamava Valinotti. Aveva un fratello che aveva una fazenda in Brasile e che lo riforniva di caffè. Questo signore, durante una sua visita a Torino, aveva raccontato a mio padre che in Brasile c’erano molte panetterie che sfornavano artigianalmente pane francese, ma che non avevano macchine per farlo. Allora lui comprò quaranta macchinette per fare il pane da una fabbrica vicino a Milano e gliele mandò via nave. Dopo si mise ad attendere con ansia una risposta, se le aveva ricevute, se le incominciava a vendere… Quelle macchine gli erano costate quasi tutti i suoi risparmi, ma questa lettera non arrivò mai”. Era il 1948 e da quanto successe si vede lo spirito di iniziativa e la vocazione internazionale di Carlo Bauducco, già abituato a girare tutta l’Italia con il suo mix di caffè provenienti dal Brasile, dall’Africa, dall’Ecuador e dalla Colombia: decise subito di partire per andare a chiedere personalmente conto di quegli utensili al fazendeiro italiano.

Giunse verso la fine dell’anno nelle campagne di San Paolo, ma la risposta fu che i soldi presi dalla vendita delle macchine se ne erano andati nella piantagione di caffè che stava attraversando un periodo di magra. Però restavano ancora venti macchine da sdoganare nel porto di Santos. Con l’aiuto di un signore che aveva conosciuto sulla nave riuscì a liberare quei macchinari e andò a venderli a San Paolo dove la comunità italiana era predominante: a quell’epoca i giornali locali principali erano due, l’Estado de S.Paulo in portoghese, e il Fanfulla in italiano, che vendevano lo stesso numero di copie. “Era Natale. Mio padre si accorse meravigliato che, malgrado ci fossero così tanti italiani in quella città, mancavano totalmente i panettoni. E gli scattò qualcosa nel cervello che doveva ispirare la sua vita e quella delle generazioni Bauducco a venire. Tornè a Torino decisissimo a vendere tutto e a trasferirsi con moglie e figlio in Brasile. E pensare che in Italia avevamo già una posizione abbastanza agiata, un negozio avviato in pieno centro, vicino al tribunale e al municipio, e un’autentica villa con 4000 metri quadri di terreno e con l’adorato gioco da bocce a Realia, a tre chilometri dalla Mole Antonelliana. Non ci fu verso: del resto gli italiani post guerra si sentivano liberati da un giogo di decenni e erano molto più aperti e arditi degli italiani di oggi”. Ripartì l’anno dopo per il Brasile in aereo, con un Lancaster che impiegava 36 ore nella trasvolata, portando con sé un pasticciere di Torino, Armando Poppa (che poi dovrà aprire la famosa pasticceria Cristallo a San Paolo), e, tenuta gelosamente in una pietanziera con sopra un panno bagnato, la massa madre, il lievito naturale, capostipite di tutti i panettoni passati, presenti e futuri, che ancora oggi si conserva gelosamente, viva, in un “sacro bunker” della fabbrica di Extrema. “Mia madre gli aveva detto che fino a quando mia nonna, che abitava con noi, era in vita non avremmo lasciato Torino. Uno degli ultimi ricordi che ho della mia città è quel 4 maggio 1949 quando l’aereo che portava la squadra di calcio del Grande Torino si schiantò sulla collina del Santuario di Superga. Io avevo una Vespa e volevo andare a vedere, ma mia madre mi dissuase. Ai funerali, a cui aveva partecipato tutta Torino, su ogni camion della Fiat c’era la bara di un giocatore. L’anno dopo, il 1950, mia nonna mancò ed io e mia madre ci imbarcammo a Genova sul Conte Grande in rotta per quel paese lontano e misterioso di cui ignoravamo tutto. Avevo 18 anni”.

In quegli anni la legislazione brasiliana prevedeva che uno straniero dovesse avere un socio brasiliano per aprire un ditta. Carlo Bauducco ne aveva trovati persino tre nella figura dei tre fratelli Lanci, figli di un italiano che faceva la pasta “3 Abruzzi” nel Bom Retiro. Poco dopo la famiglia Bauducco si trasferì in un capannone con sopra una casa in Rua Alfonso Pena, di fianco alla fabbrica dei tre fratelli, e lì, fra mille indugi, venne confezionato il primo panettone sperimentale che si chiamava “Panettone 900 Lanci”, il 900 dalla macchina alimentizia che il padre di Luigi aveva portato dall’Italia. “Era il 1950, oggi ne facciamo 65 milioni all’anno e siamo i maggiori produttori mondiali di panettoni, esportando dal Brasile in 50 paesi del mondo, dagli Stati Uniti al Giappone, dall’America Latina all’Angola. Ma è stata molto dura, specie in quei primi anni. Si lavorava più che in Italia. A Torino la domenica si riposava e mio padre ne approfittava per giocare alle bocce con i suoi cinque fratelli nella villetta di Realia. Qui, quando due anni dopo avevamo messo su un negozio tutto nostro nella Celso Garcia, nel Brás, perchè intanto era caduta la legge che imponeva soci brasiliani, lavoravamo anche la domenica che è il giorno in cui si comprano i dolci per portarli a casa. L’esperienza con i soci si era rivelata fallimentare e mio padre ad un certo punto voleva ritornare a Torino perchè non ce la faceva più. C’è voluta mia madre a farlo resistere in Brasile. Non è stato facile”. Era il 1952 quando nacque per la prima volta il nome “Bauducco” sui panettoni, sui caporali e sui frollini del piccolo negozio all’origine del grande impero della famiglia piemontese. Carlo, ora con l’aiuto del figlio Luigi, iniziò a fare propaganda per radio in italiano con la speaker Antonella Flavioli, e aveva mandato prima di Natale un aereo a seminare di volantini pubblicitari la Se’ e il Teatro Municipal. Un tale Briccarello, piemontese anche lui, aveva un cugino artista e realizzò le prime scatole di panettoni con sopra disegnata la Torre di Pisa e il Duomo di Milano. Nel 1956 un altro piemontese di Saluzzo che fabbricava mobili in stile fece comprare ai Bauducco un terreno di 3000 metri quadri a Guarulhos dove è sorta la prima fabbrichetta che rimane ancora oggi a produrre wafer.

Image for post
Image for post
Bauducco è stato anche insignito del riconscimento della Regione Piemonte per i piemontesi che si sono fatti onore nel mondo

“Nel 1958 mi sono sposato con Carla, anche lei figlia di pasticceri torinesi della Dulca, marca molto famosa a San Paolo. I suoi genitori erano andati in Abissinia all’epoca della colonia italiana e avevano comprato dei camion con cui facevano il trasporto delle merci dal porto di Massaua ad Addis Abeba, nell’odierna Etiopia. Andavano su una strada stretta e ripida: quando si rompeva un camion, lo buttavano nel burrone con tutto il carico, perchè non si fermasse la fila degli altri. I Dulca mi hanno detto che ad Addis Abeba c’era gente di colore che parlava piemontese. Dopo la guerra si sono trasferiti quì e facevano la tratta Santos-San Paolo: ma quei torpedoni erano troppo vecchi e senza pezzi di ricambio. Si sono ricordati allora che a Torino in origine facevano i pasticceri e così hanno aperto un negozio di dolciumi. Anche i Dulca ci hanno aiutato molto: siamo stati molto fortunati qui a San Paolo ad incontrare brava gente italiana che c’è sempre venuta incontro. In Italia per la prima volta ci sono tornato nel 1960, a distanza di dieci anni dalla mia partenza. Io e Carla abbiamo tre figli, Massimo, Silvana e Carlo Andrea, e una sfilza di nipotini”. Risale al 1990 la fabbrica nel Bonsucesso e al 2000 il grande impianto di Extrema. Nel 2001 ha acquisito la Visconti ed è recente l’accordo con i cioccolati Hersheys per una fabbrica a São Roque. La Bauducco oggi è una holding che si chiama Pandurata dal nome di un albero con dei fiori meravigliosi che è stato piantato un po’ dappertutto nei suoi stabilimenti. Nel 1997 ad opera di Andrea Martini, proveniente dalla Barilla e dalla Parmalat, poi presidente della Souza Cruz e membro del consiglio di amministrazione, la Bauducco ha realizzato in Inghilterra l’unificazione della gamma coi colori giallo e rosso che contraddistinguono tutta la linea della marca. “E’ il grande rilancio che ci ha portato ai livelli di eccellenza del 2014 — amava sottolineare Luigi Bauducco, sempre sorridente, vestito semplicemente, con una camicia, dei pantaloni comuni, e di rado con una cravatta, ma sempre impeccabile: un vero signore torinese — Nel 2012 abbiamo festeggiato i nostri 60 anni di storia. Mio padre e mia madre sono morti nella prima metà degli anni 70. Adesso io e Carla andiamo spesso al Grand Hotel Sitea quando viaggiamo a Torino. Però a me piace andare a vedere ancora quell’angolo fra via Barbaroux e via Botero dove, vicino ad una bottega genovese che faceva la farinata e il castagnaccio, c’era il nostro negozio di caffè. Ora al suo posto c’è un ristorante, ma mi sembra ancora di sentire la voce di mio padre Carlo chiamare Margherita in quell’atmosfera magica del Natale. Non per nulla il logo della Bauducco è diventato oggi in tutto il Brasile, anche con l’aiuto della TV Globo, un sinonimo della parola famiglia. Ma, mi creda, una bella famiglia”.

Bibliografia: 100nonni.com

Il canale Medium ufficiale del Consiglio regionale del #Piemonte, dove raccogliamo notizie e approfondimenti. I video su http://www.crpiemonte.tv

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store